domenica 30 agosto 2009

Il freschetto, finalmente

Il proposito di una tranquilla serata in casa era quello di vedere una vecchia puntata di Barnaby e poi dritta a nanna, in vista di un'altra giornata campale allo studio legale, con la sessantina di scatoloni di pratiche varie e tomi di legge da accatastare, siglare e chiudere. Però...giocare con la Wii a pilotare l'aeroplanino di notte e a tuffarmi dritta nella bocca del vulcano era troppo seducente. Ed ora eccomi qui, rimbecillitissima dal sonno, ancora senza pigiamino addosso, senza latte tiepidino col miele, senza dentini lavati. In pratica, vestita e zozza e ancora ben desta.
Il fine settimana dai vecchiotti è stato rilassante e bello, dormicchiato con le Sbaciucchine sulla panza (leggi Daphne e Josephine, alias Tosca e Mimì, alias Nerina e Grigetta, ovvero le Miao Sisters che al momento sono triplicate in peso e stazza, e sono colpevoli di innumerevoli danni al mobilio e alle suppellettili. Me le sono messe ai lati della testa e mi sono goduta il ron ron in stereo nel cervello. Altro che meditazione zen, ti senti da dio e non muovi un dito, in pratica.
E poi in campagna ho dormito, dormito, dormito, grazie al temporale ed al fresco. Ho riposato i miei stanchi muscoli dopo tutti gli scatoloni imballati (se continuavo ad imballare per un'altra settimana, mi venivano muscolacci da ergastolano). E tutta l'afa amazzonica che ci siamo subiti a Mestre mi ha prosciugato tutto il potassio e il magnesio residui, così domani o magno 8 chili di pesche, o passo in farmacia e prendo le bustine, mi sa che faccio prima.
Il pensiero del lunedì è più agghiacciante che mai.
Ora però vado davvero a fare la nanna, sennò domani la sveglia chi la sente?
Snott.

4 commenti:

gillipixel ha detto...

"...Me le sono messe ai lati della testa e mi sono goduta il ron ron in stereo nel cervello. Altro che meditazione zen, ti senti da dio e non muovi un dito, in pratica..."

Bellissimo!!! Sublime!!! :-)
Se posso dire la mia, di tutti i nomi, preferisco Nerina e Grigetta :-)

Vanessa Valentine ha detto...

Scelti dalla Mama, al solito, campionessa di semplicità...!
In realtà basta scuotere la scatola di latta con i croccantini, e arrivano da chilometri...:)))))

gillipixel ha detto...

Anche a casa mia è invalsa quasi sempre l'usanza di nominare i felinotti in base alla livrea :-) è la cosa più immediata e spontanea, in effetti...solo che non so come mai, finisce sempre che il colore pelliccesco si "cognomizza" buffamente :-)
Così ho avuto micie che si son chiamate Neri, Bianchi e pure Rossi :-) A volte anche Neris :-)

Grazie per le cose belle che scrivi ogni volta, Vale, mi trasmettono sempre un senso di bellezza e positività :-)

Vanessa Valentine ha detto...

Forse sono i mici e i cagnetti che ci danno la positività...
Quando sei in loro compagnia, pensi solo alla bellezza del momento, all'onore che ti fanno trattandoti come uno di loro. per me è davvero un miracolo!:))))
(Tempo fa ho letto di un distinto signore inglese con un cognome tipo Winterbottom, che aveva chiamato il proprio bassotto Mr Winterbottom...l'ho trovato splendidamente britannico!)